Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Questo sito consente i cookie di terze parti(legati alla presenza dei “social plugin”).
Cliccando su “OK ” si acconsente all'uso dei cookie. Cliccando su "Info" si legge l'informativa completa.

Santa Barbara

Chiesa  di Santa Barbara *

Della chiesa di Santa Barbara non si hanno notizie sicure: non si conservano in parrocchia documenti riguardanti la sua origine.

Per la struttura e la posizione, collocata come è su una collina, non si differenzia molto dalla chiesa di Bolòe.

E’ situata tra Est e Sud del paese, distante alcuni chilometri; ai suoi piedi scorre il riu Minore.

Fu probabilmente edificata contemporaneamente a quella di Bolòe.

Nelle carte antiche, di tanto in tanto, vi è un accenno a questa chiesa.

 Il 23 luglio 1638 un certo Bartolomeo Querqui, in un testamento rogato dal notaio Antioco Canu di questa villa, lasciò i suoi beni alla chiesa di Santa Barbara. Un altro testamento a favore della chiesa venne fatto il 1° ottobre 1751: un certo Salvatore Melone stabiliva in punto di morte che i propri beni andassero alla chiesa di Santa Barbara dopo la morte di sua figlia che non aveva figli.

Come tutte le altre chiese di quell’epoca anche questa è rafforzata esternamente da speroni; ma le sue fondamenta, con probabilità, poggiano sulla base di un nuraghe distrutto. …

Sull’altare, entro una nicchia, vi è la statua della Santa con a fianco una torre con tre finestrelle per ricordare come la Santa venne reclusa in una torre dal padre e sottoposta a crudeli tormenti; ma, secondo la leggenda, il padre crudele venne colpito da un fulmine.

Pastori e contadini devono averla voluta come protettrice dei campi e come salvaguardia dalle tempeste: “Sant’Arvara ‘e su campu/ nos salvet dae tronos e dae lampu”.

La festa in suo onore viene celebrata ogni anno alla terza domenica di settembre: vi accorrono non solo da Benetutti, ma anche da Nule.

 

* La descrizione è  contenuta nel libro  BENETUTTI, Appunti per una storia, stampato nell’anno 1993, di Don Giommaria Farina, già parroco di Benetutti dal 1963 al 1983.


 

 

Altro in questa categoria: « Santa Rosalia