Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Questo sito consente i cookie di terze parti(legati alla presenza dei “social plugin”).
Cliccando su “OK ” si acconsente all'uso dei cookie. Cliccando su "Info" si legge l'informativa completa.

San Salvatore

Chiesa  di San Salvatore *

Nulla si sa di certo circa la sua origine; in paese tutti sono convinti che si tratti della chiesa più antica tra quelle esistenti a Benetutti, ma la sua struttura attuale non lo dimostra, perché sembra risalire alla fine del ‘500 o agli inizi del ‘600. Sorge nella parte più antica del paese, sotto il monte Sìsine, presso la strada che conduce a Nule, e può darsi che in quel punto sorgesse una precedente chiesa più piccola, abbattuta poi per poterne costruire una più grande.

Lo stile della costruzione si distingue da tutte le altre, specie perché all’interno mostra una asimmetria tutta particolare: al lato destro di chi entra vi sono quattro arcate a tutto sesto che delimitano quattro piccole cappelle poco profonde, mentre dall’altra parte ve ne sono soltanto tre, più ampie ma dela stessa profondità. Il compito di queste arcate non creo sia solo quello di delineare le piccolissime cappelle, ma anche e soprattutto di rendere più sicuri i muri laterali. …

Nell’altare centrale domina un grande crocifisso in legno, restaurato di recente, che deve avere una certa antichità ed ha qualche valore artistico. Pregevoli sono due statue lignee: quella dell’Immacolata … e quella di San Vincenzo Ferreri …

Si conserva anche una statua rappresentante San Sebastiano, anch’essa in legno ma molto logora.

 

* La descrizione è  contenuta nel libro  BENETUTTI, Appunti per una storia, stampato nell’anno 1993, di Don Giommaria Farina, già parroco di Benetutti dal 1963 al 1983.




 

 

Altro in questa categoria: « N.S. di Boloe San Saturnino »